La Cupola fra le Torri

Parrocchia dei Santi Bartolomeo e Gaetano, Bologna

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

XXIV DOMENICA T.O.

E-mail Stampa PDF

XXIV Domenica del Tempo Ordinario

15 settembre 2019

Es 32,7-11.13-14, dal Sal 50, 1 Tm 1,12-17, Lc 15,1-32

Ci sarà gioia in cielo per un solo peccatore che si converte.

 

Oggi il Vangelo che abbiamo appena ascoltato, ve ne siete accorti , è abbastanza lungo, perché ci ha presentato tre parabole: la parabola della pecora smarrita e del pastore che va alla ricerca, la parabola della moneta perduta e della donna che mette sottosopra la casa finché non l'ha ritrovata, poi la parabola del figliol prodigo o meglio del padre buono, che aspetta sempre il figlio che si è allontanato e quando lo vede ritornare gli va incontro per fargli festa.(continua a leggere)

Avremmo potuto anche leggere solo la formula breve, ma a me piace sempre leggere per intero la parola del Signore, perché la parola del Signore vale più di tutte le nostre parole, ma anche perché oggi posso permettermi di fare la predica corta per lasciarla fare invece a Leone e Tommaso.

 

 

Ed è il loro Battesimo che ci fa capire il Vangelo che abbiamo ascoltato oggi e ringrazio i genitori di Leone e Tommaso , che condividono con noi questa gioia grande del Battesimo dei loro bambini.

Le tre parabole, perché tre? Lo capiremo tra poco quando dirò: Leone e Tommaso: io ti battezzo nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.

Queste tre parabole ci fanno capire chi è Dio.

Dio è Padre buono che ci aspetta sempre anche se ci allontaniamo Lui rimane in attesa e quando torniamo ci corri incontro per farci festa.

Dio è il figlio di Dio, Gesù, che come il pastore ha lasciato il paradiso per venire alla ricerca di ciascuno di noi.

Dio è Io Spirito Santo e, come questa donna dentro la casa, nell'intimo di ciascuno di noi a volte mette tutto sottosopra, ci inquieta perché solo in Lui possiamo trovare pace.

Solo in Dio troviamo pace perché siamo fatti per Lui e soltanto ritrovandoci in Lui riscopriamo la pienezza della gioia tutte.

E tutte e tre le parabole diverse fra di loro hanno però in comune che Dio si interessa sempre del singolo, dell'unica pecora, dell'unica moneta, del figlio che si è allontanato.

E fa proprio così Dio. Si interessa di Leone e il Battesimo ci fa capire che tutto l'amore di Dio si concentra in ciascuno di noi. Si interessa di Tommaso per farci capire che qualunque cosa succeda nella vita rimaniamo suoi figli e Dio Padre buono è sempre pronto a farci festa.

E davvero Dio fa festa a Leone e Tommaso proprio come il padre nella parabola. Lo abbiamo ascoltato: quando era ancora lontano suo padre lo vide, ebbe compassione, gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò, e disse ai servi : presto, portate qui il vestito più bello e fateglielo indossare .

È quello che avverrà fra poco. Dopo il Battesimo anche loro indosseranno il vestito più bello, la veste bianca che è il segno della nostra dignità di figli, è l'abito della festa che ci permette di partecipare al banchetto, al banchetto dell'Eucaristia, al grande banchetto del regno di Dio, alla mensa dei figli di Dio.

E allora quello che avviene oggi per Leone e Tommaso è quello che Dio vuole avvenga per ciascuno di noi ed è molto bello che questo avvenga proprio la domenica durante la Messa, perché ogni volta che noi veniamo a Messa, ogni volta che partecipiamo ai sacramenti è proprio Dio, che in modo misterioso come Lui sa fare, entra in relazione con ciascuno di noi nell’intimo, ma per ricordarci che siamo suoi figli.

Ed è bello sapere che siamo nella casa di Dio dove ci sono musiche, danze e ringrazio il coro, ringrazio anche gli altri bambini che animano un po' la nostra Messa, perché questo piccolo segno ci fa capire la grande grazia che stanno per ricevere questi bambini, che noi abbiamo ricevuto e che si rinnova se accogliendo l’ nvito di Dio per dare a Dio la gioia dell'incontro con noi partecipiamo alla Messa, viviamo come figli di Dio.

Allora un grazie grande a questi bambini, ai loro genitori, aio padrini e insieme con loro non solo celebriamo il Battesimo ma rinnoviamo la grazia di essere figli di Dio, perché la festa dei figli di Dio si allarghi all'umanità intera.

(dall'omelia di don Stefano Ottani)

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 19 Settembre 2019 10:55  

Calendario Eventi

November 2019
M T W T F S S
28 29 30 31 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 1

Ricerca

whosonline

 87 visitatori online

Galleria di Immagini

_mg_2854-001.jpg