La Cupola fra le Torri

Parrocchia dei Santi Bartolomeo e Gaetano, Bologna

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home La Parrocchia Parola attraverso le omelie XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

E-mail Stampa PDF

XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

22 settembre 2019

Am 8,4-7, dal Sal 112, 1 Tm 2,1-8, Lc 16,1-13

Non potete servire Dio e la ricchezza.

La frase principale del messaggio di Gesù di oggi è questa: usare con scaltrezza la ricchezza e le cose terrene. Gesù ancora una volta sconvolge la mentalità del mondo, la mentalità di cercare la ricchezza e usare gli altri solo per essere ricchi.

Gesù nel Vangelo di oggi insegna ai suoi discepoli come usare il denaro e la ricchezza, con accortezza e guardando oltre questa dimensione temporale, guardando all'orizzonte più ampio, all'eternità, al Regno di Dio. (continua a leggere)

Gesù parla di un amministratore disonesto, che ha saputo utilizzare la ricchezza per farsi degli amici e prepararsi un futuro migliore: Gesù non lo giustifica per aver falsificato i conti e non chiede a noi di fare altrettanto, ma sottolinea la scaltrezza nel gestire la ricchezzaed è da questo che viene l'insegnamento per noi.

Gesù ci invita a ritenere la ricchezza e il denaro come mezzo e non come un fine. Ogni cristiano deve occuparsi di cercare la vita eterna, la salvezza usando la ricchezza, i beni terreni.

Gesù stesso è venuto a donare la salvezza a tutti gli uomini, noi impariamo questo amore di Gesù sempre attraverso l'Eucarestia, quando il sacerdote ripete in ogni Messa le parole di Gesù: ‘Ecco il mio corpo, ecco il mio sangue versato per voi’.

La vita è sempre una scelta fra onestà e disonestà, fra male e bene, fra fedeltà e infedeltà, fra egoismo e altruismo. La vita di ogni cristiano esige il coraggio di viveretalvolta controcorrente rispetto all'andazzo moderno, andare controcorrente ed amare come Gesù ci ha amato: dare la vita, sacrificare se stesso per la nostra salvezza.

Dobbiamo imparare da Lui come far fruttificare la ricchezza che Lui ci ha dato, non solo le cose materiali, il denaro, ma anche le virtù. Le cose che Gesù ci ha dato non sono solo per noi stessi, ma per essere condivise con gli altri.

È questo che abbiamo imparato da Lui, ogni volta che Gesù è con noi durante il banchetto eucaristico. Gesù ci insegna sempre a condividere con gli altri, a farci degli amici con la ricchezza non perché, Gesù dice, la ricchezza sia una cosa che in se stessa è male, ma la ricchezza qualche volta è disonesta, perché dà una promessa che non si realizza mai.

La ricchezza dà la promessa di essere felici, tranquilli, ma se siamo veramente onesti con noi stessisperimentiamo che anche con tutte le cose che abbiamo attorno a noi non siamo mai felici, non siamo mai nella pace.

Oggi siamo chiamati a saper usare la ricchezza per crearci amici, avere relazioni autentiche per poter avere la vita eterna e usando la ricchezza per guadagnare Il Regno di Dio.

Imparare da Gesù stesso. Si ama se ci si sente amati, soprattutto quando qualcuno è lontano da casa e trova ciò che desidera, si sente amato se trova quello che serve per lui. Questa è la famiglia, questa è la comunità. Ogni volta, quando ritorno in questa comunità, in questa famiglia mi sento proprio a casa, non per le cose che ricevo da voi, ma per l'amicizia che è partita da una persona.

Adesso ho trovato, come Gesù dice: chi lascia padre, madre, fratelli, sorelle troverà tutto in cambio.

Grazie a voi per farmi sentire sempre uno di casa e farmi sentire sempre amato.

Vi assicuriamo le nostre preghiere ogni volta che facciamo l'adorazione, ogni volta che celebriamo la Messa.

È una grande responsabilità anche per me ricevere questa carità, questa generosità da voi. Pregate, perché anche io possa essere un amministratore buono.

Tutto questo è una risposta a quello che spesso sento dire da voi "dobbiamo aiutarli a casa loro", perché qui si sentono disorientati, come pesci fuor d'acqua.

Per questo ho iniziato questo progetto, per dare una risposta a questa necessità e cercare di aiutare quelli che vogliono stare a casa per poter fare qualcosa per il bene loro, ma anche di tutto il Paese.

Chiediamo a Gesù la grazia di imparare da Lui a saper condividere la nostra vita con gli altri, creare amicizia, relazioni familiari attraverso la ricchezza, le cose che il Signore ci ha dato come mezzi e non come fine. Gesù Cristo da ricco che era si è fatto povero per noi, perché noi diventassimo ricchi per mezzo della sua povertà.

(dall'omelia di Mons.Daniel Kamara)

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 30 Settembre 2019 16:23  

Calendario Eventi

October 2019
M T W T F S S
30 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 1 2 3

Ricerca

whosonline

 144 visitatori online

Galleria di Immagini

_mg_3714.jpg