La Cupola fra le Torri

Parrocchia dei Santi Bartolomeo e Gaetano, Bologna

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home La Parrocchia Parola attraverso le omelie DOMENICA DI PENTECOSTE 04//06/2017

DOMENICA DI PENTECOSTE 04//06/2017

E-mail Stampa PDF

DOMENICA DI PENTECOSTE  Solennità

4 giugno 2017

XXI Decennale Eucaristica Parrocchiale

At 2,1-11, Dal Sal 103, 1Cor 12,3b-7.12-13, Gv 20,19-23

Come il Padre ha mandato me anch'io mando voi.

 

Io benedico il Signore che ha inventato la Strabologna e capite il perché. Questa nostra festa, la Decennale Eucaristica Parrocchiale, da tempo era stata programmata per domenica 14 maggio, poi ci siamo accorti che per quel giorno il Comune aveva organizzato la Strabologna ed era impossibile fare la processione insieme a migliaia di atleti che avrebbero invaso il centro di Bologna. È stata davvero una grande grazia, perché così abbiamo dovuto spostare il giorno della nostra decennale e l'unico giorno in cui si poteva fare era oggi. (continua a leggere)

Davvero non c'è giorno migliore di oggi, fare la decennale eucaristica nel giorno di Pentecoste, perché è la Pentecoste che ci fa capire, ci fa gustare che dono grande il Signore ci ha fatto nell’Eucarestia.

 

Oggi avviene per noi quello che è avvenuto nel giorno della Pentecoste, come abbiamo ascoltato dalla prima Lettura: erano circa le nove del mattino, anche noi abbiamo dovuto anticipare la Messa parrocchiale alle 9,30, e lo Spirito Santo scese sul cenacolo. Il cenacolo é il luogo della cena, dell'ultima cena, cioè il luogo dell’Eucarestia, questo è il luogo dell'Eucarestia, e riempì tutta la casa, come sta riempiendo la nostra casa comune e compie ancora quel prodigio che ha compiuto quel giorno.

Davvero ci sorprendono le parole che gli abitanti di Gerusalemme hanno detto: come mai ciascuno di noi sente parlare nella propria lingua nativa? Siamo Filippini, Peruviani, Ecuadoregni, Africani della Sierra Leone, del Cameroun, della Nigeria, bolognesi e tutti parliamo una stessa lingua. È come il coro formato dai coristi delle varie comunità che innalza un'unica armonia, la lode del Signore. Siamo sì tutti diversi, ed è bello vedere i fiori, i colori dei Filippini che oggi festeggiano i Flores de Mayo, dei Peruviani con l'abito viola della penitenza, di Ecuadoregni che portano la beatissima Virgen del Quinche, e anche noi bolognesi con la Compagnia del Santissimo e il baldacchino. Tutti diversi, ma camminiamo insieme.

La processione che tra poco faremo è il segno di questa unità che lo Spirito ci dona e ce la dona perché è lo Spirito che ci fa il dono più grande di tutti che è l’Eucarestia, cioè il Signore Gesù risorto, vivo, presente in mezzo a noi nel sacramento del pane e del vino. Noi, che mangiamo dell'unico pane, formiamo un solo corpo.

Davvero oggi si rinnova il prodigio della Pentecoste, perché questa è la Chiesa, è il compleanno della Chiesa oggi, perché la Chiesa nasce nel giorno della Pentecoste, quando lo Spirito sceso sugli apostoli li manda ad annunciare il Vangelo a tutti i popoli della terra.

È segno bellissimo della Chiesa quello che noi oggi sperimentiamo: tanti popoli diversi che formano l'unico popolo dei redenti dal Signore Gesù, che con unica voce innalzano la lode del Signore, che si riconoscono fratelli.

Questo è ciò di cui il mondo ha più bisogno e lo possiamo dire pensando anche a quello che avviene nel mondo. Anche ieri sera, quanto dolore! Ma per questo capiamo quale dono grande è il poter accoglierci, riconoscerci come fratelli, non solo rispettando le differenze, ma rallegrandoci delle differenze.

Allora che cosa dobbiamo fare? Dobbiamo essere sempre così, non perché ogni giorno faremo la processione come facciamo oggi, ma perché ogni giorno ci accogliamo gli uni gli altri, come fratelli. Ogni giorno rivestiamoci degli abiti più risplendenti dentro di noi, la nostra vita sia splendente, ogni giorno andiamo con gioia nel cuore della città per proclamare al mondo la speranza che viene dal Vangelo.

Davvero quello che viviamo oggi, anche esteriormente, sia la grazia e la gioia di ogni giorno dell'anno, anzi sia la grazia e la gioia per tutta l'eternità.

(dall’omelia di don Stefano Ottani)

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 22 Giugno 2017 15:54  

Calendario Eventi

June 2017
M T W T F S S
29 30 31 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 1 2

Ricerca

whosonline

 217 visitatori online

Galleria di Immagini

img_8657.jpg