Un progetto per il Giubileo Allarghiamo la famiglia!

Mercoledì 09 Dicembre 2015 19:04 Giuseppe Vaccarino
Stampa

Anno Santo della Misericordia

UN PROGETTO PER IL GIUBILEO

ALLARGHIAMO LA FAMIGLIA !

 

 

“Misericordia: è la legge fondamentale che abita nel cuore di ogni persona quando guarda con occhi sinceri il fratello che incontra nel cammino della vita.” (Misericordiae Vultus)

In questo Anno Santo della Misericordia, il cammino della parrocchia si è intrecciato con quello di sei studenti camerunesi, arrivati a noi tramite la Caritas diocesana. Vorremmo che questo incontro diventasse il segno del nostro impegno per il Giubileo.

OBIETTIVO

Lo scopo che la nostra Comunità parrocchiale si propone di raggiungere in modo coeso ed esteso a tutti è aiutare questi studenti, titolari di una borsa di studio che hanno conseguito per meriti e che garantisce loro l’alloggio e la copertura delle tasse universitarie, ma non fornisce il vitto né le altre cose necessarie per lo studio, l’igiene, i vestiti ecc. (scarica articolo completo e scarica manifesto)

L’aiuto che la nostra Parrocchia intende dare proprio nel Santo Anno del Giubileo non è e non vuole essere una tantum, ma consiste invece nel costituire una rete tra le persone, le famiglie, i diversi gruppi della parrocchia e quanti altri intendano partecipare, capace di assicurare quella indispensabile continuità nelle settimane e nei mesi a venire che rende realizzabile e sostenibile il progetto!

 

CHI SONO

Gli studenti che intendiamo per così dire “adottare” nella nostra Comunità sono 6 studenti:- due ragazze e 4 ragazzi - iscritti all’Ateneo Bolognese in distinti corsi di laurea: chi infatti studia ingegneria gestionale, chi scienze motorie, chi biotecnologie, chi ingegneria informatica, ecc.. Si chiamano Colbert, Diane, Giles, Laurice, Lionel e Ulrich.

Parlano benissimo l’italiano e sono in pari con gli esami (impegno assunto molto seriamente da ciascuno di essi, perché viceversa perderebbero ogni diritto acquisito con la borsa di studio).

Sono tutti disponibili a ricambiare il sostegno proveniente dal nostro aiuto, in molti modi: aiutando i nostri ragazzi nello svolgimento dei compiti assegnati dalla scuola, impartendo lezioni di lingua o di informatica, facendo compagnia ad un anziano… o qualsiasi attività propria del volontariato che si riuscisse ad individuare.

Con loro vorremmo anche andare alla Giornata Mondiale della Gioventù per condividerne esperienza spirituale e contenuti.

Siamo infatti profondamente convinti che l’aiuto dato a questi giovani sia anche il modo più efficace di promuovere l’acquisizione di competenze ed il conseguimento di professionalità che contribuiscano, una volta rientrati al proprio Paese, a migliorare la vita delle loro comunità di origine.

L’idea è di “adottarli”, di allargare così la nostra comunità e le nostre famiglie dando vita ad una rete di aiuto continuativo e reciproco, ma anche di relazioni e di mutua conoscenza: “Le nostre mani stringano le loro mani, e tiriamoli a noi perché sentano il calore della nostra presenza, dell’amicizia e della fraternità.” (M.V. 15)

COME ADERIRE

L’aiuto di chi intendesse partecipare, consiste ed è concepito esclusivamente a garantire il sostentamento di questi ragazzi, da assicurare attraverso:

il dono di cibi e generi per l’igiene personale

il dono di denaro (che servirà ad acquistare il cibo)

inviti a pranzo o a cena in famiglia e/o in parrocchia

inviti a qualche festa insieme.

- In chiesa saranno collocati un cesto e una cassetta per la raccolta.

Raccolta e distribuzione saranno organizzati in parrocchia. È anche possibile che una o più famiglie insieme decidano di “adottare” uno degli studenti e provvedano direttamente ad aiutarlo.

- È inoltre attivo un Conto corrente presso la Banca Monte dei Paschi di Siena

intestato alla Parrocchia dei Santi Bartolomeo e Gaetano,

IBAN: IT65W0103002430000008826669

Fiduciosi che in molti sapranno rispondere a questa iniziativa con entusiasmo e sincero spirito di accoglienza, nel ringraziare sin d’ora chiunque deciderà di aderire e fare la propria parte nell’Allargare la Famiglia, Vi esortiamo, nella costruzione di questa relazione fra noi e loro, fatta di conoscenza e scambio, a segnalare altresì eventuali esigenze o bisogni, esistenti in parrocchia o nelle famiglie cui gli studenti possano rispondere con proprie attività di volontariato.

Referenti:

Graziella Giovannini ( lunedì pomeriggio in chiesa ore 15.30-18.30)

I catechisti nelle giornate delle classi di catechismo

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 11 Febbraio 2016 15:51